fbpx

Oggi 5 settembre 2019 si è insediato il Governo Conte 2.0 con la Cerimonia del Giuramento; un’occasione istituzionale che richiede molta attenzione alla forma. Stamattina quindi, i 14 Ministri e soprattutto le 7 Ministre, hanno dedicato particolare attenzione alla cura della propria Immagine prima di uscire di casa. Ma vediamo di analizzare i diversi outfit e di interpretare il messaggio che queste 7 donne di governo hanno trasmesso con il loro modo di apparire. Dopo averle osservate, con molta simpatia per tutte loro, ho redatto questa mia personale pagella con un commento professionale che supporta la sintesi del voto.

Luciana Lamorgese Ministra degli Interni: VOTO  8.

Ha scelto un tailleur pantalone blu con blusa bianca e dei graziosi pendenti che ingentilivano un’Immagine molto rigorosa; una scelta in linea con i suoi precedenti ruoli ed in vista del difficile Ministero che andrà a presiedere. Forse, un modello d’abito più accostato al corpo avrebbe delineato meglio la figura e reso più femminile l’Immagine.

Paola De Micheli Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti: VOTO 10.

Ha optato per un classico e più che mai adeguato Chanel blu bordato di bianco, perfettamente abbinato al taglio di capelli a carrè, con decollété a tacco medio, come si addice all’ etichetta istituzionale.La sua silhouette mediterranea e il suo sorriso, contribuiscono ad ammorbidire il piglio e la grinta che la contraddistinguono e che rendono la sua Immagine gradevole e credibile.

Teresa Bellanova Ministra dell’Agricoltura: VOTO 6.

La neo Ministra è sicuramente un tipo che osa; ha giurato con un taglio di capelli deciso e un abito che per modello e colore era un colpo d’occhio: il suo abitino blu elettrico a balze e maniche scampanate con borsetta in tinta hanno certo attirato l’attenzione. Diciamo che pur se poco adeguato alla sua figura ed al contesto, il suo outfit ha portato una nota di colore.

Nunzia Catalfo Ministra del Lavoro e Politiche Sociali: VOTO 7.

La donna che succede a Luigi di Maio ha voluto portare un po’ di luce con un tailleur pantalone color avorio, abbinato a scarpe dello stesso colore e sottogiacca scuro per sfilare la figura. Accorgimenti non del tutto azzeccati;  se avesse indossato il tailleur e scarpe di colore scuro, con il sottogiacca chiaro, il risultato sarebbe stato sicuramente migliore.

 

Fabiana Dadone Ministra della Pubblica Amministrazione: VOTO 8.

Caricata delle responsabilità che  la attendono, ha deciso per un look monocolore e sobrio; fatta eccezione per gli occhiali, ovviamente neri ma dalla forma vagamente vezzosa. Un’Immagine decisamente allineata al suo ruolo, ma che un dettaglio di colore, le avrebbe conferito maggiore distinzione.

Paola Pisano Ministra per l’Innovazione Tecnologica: VOTO 9.

Personalità autorevole nel mondo digitale che in perfetto stile “nerd” ha voluto essere diversa e ha scelto uno stile libero: acconciatura spettinata, blusa bianca con pantaloni palazzo in fantasia bianco-nero e un tocco di beige ripreso dalle scarpe. Pur se la meno formale come outfit, le va riconosciuta l’attenzione all’ordine e all’armonia di fogge e colori che ha reso il suo look comunque elegante.

 

 Elena Bonetti Ministra Pari Opportunità e Famiglia:

VOTO 10.

Ha esibito un outfit bon ton: completo due pezzi composto da tubino al ginocchio nero e giacchino sfiancato, abbinato a decollété molto femminili color pelle che ammorbidivano il total balck. Ottimo outfit per l’Immagine gentile e rassicurante che il suo Ministero richiede. 

 

 

#lucianalamorgesegiuramento #paolademicheligiuramento #teresabellanovagiuramento #elenabonettigiuramento #nunziacatalfogiuramento #paolapisanogiuramento #fabianadadonegiuramento  #ministregovernocontebisgiuramento 

#personalbrand   #immagineaderente   #lookarmonico  #labitofailmonaco